sabato 5 giugno 2010

L'opera che perdura è sempre capace di un'infinita e plastica ambiguità; è tutto per tutti; è uno specchio che svela tratti del lettore ed è insieme una mappa del mondo.

Jorge Luis Borges

Nessun commento: